Marchetta @ BPM

E che ci volete fare? Son giorni marchettari questi qua, tanto più adesso che mi sono ritrovato (di nuovo) imprigionato in casa con un'influenza che si è presa fin troppo tempo per manifestarsi del tutto e, temo, se ne prenderà ancora di più prima di andarsene via. 

Giorni marchettari, dicevo, che però cadono "a fagiolo". Mentre Buzz Paradise mi chiedeva di scrivere una roba su Mutuo TassoSempreBasso finivo una telefonata lunga una vita con l'agente immobiliare che sta mediando per l'acquisto della mia PRIMA casa. Su quest'avventura assurda ci tornerò su più avanti, quando "a bocce ferme" potrò tirare il fiato e guardandomi indietro raccontare questa folle corsa dentro una delle tappe più importanti della vita (mia ed in generale). Per ora vi basti sapere che, fatti un paio di conti, non è stato difficile scoprire quanto avrei risparmiato con un mutuo per l'acquisto della mia casetta rispetto all'affitto (a fondo perduto) che pago adesso.

Fra IRS, ABI, EURIBOR e leggi, decreti, micro e macro iniziative anticrisi, bufale paurose e miraggi nel deserto, non è facile capirci qualcosa. L'unico elemento che hai ben chiaro quando ti siedi in un qualsiasi ufficio Mutui di una qualsiasi banca è che sei lì, sotto esame, e che la persona che hai davanti, il suo computer con lo schermo voltato e tutti quei termini assurdi e incomprensibili, sono ciò che ti separa dal sogno di una vita. 

Per quanto riguarda questa iniziativa della Banca Popolare di Milano l'idea è lodevole. Succede infatti che con l'indice EURIBOR sotto terra siano in molti a farsi convincere dagli interessi minimi e di conseguenza dalla rata minore che un tasso variabile offre, salvo poi rischiare di trovarsi fra un annetto con una rata decuplicata rispetto all'attuale. TassoSempreBasso è una prima risposta: sposta l'indice di riferimento al tasso BCE e, soprattutto, ancora l'interesse massimo raggiungibile al 5,5 %, così da garantire una rete di salvataggio ai contraenti.

Chiaro è che ancora non basta. Il vero problema da affrontare, e che tutti si guardano anche solo dal nominare, è il tema dell'accessibilità al credito. Nell'era dei contrattini mensili, a progetto, CO.CO, ecc. ecc. senza alcuna garanzia di un reddito continuo, è assurdo che gli istituti finanziari non approntino un sistema che renda possibile alla maggior parte dei soggetti l'accensione di un mutuo. Senza un provvedimento che vada in questa direzione rischiamo che ogni iniziativa di altro tipo, per quanto lodevole, si riveli inutile.

Replacing Emoji... bpxt_ig="ligne01_01.gif";bpxt_ib=12692;bpxt_ic = "81";
Replacing Emoji...
Replacing Emoji...
Replacing Emoji...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *